Nel 2007 il giovane figlio di un rigattiere si portò a casa per $ 380 da un’asta pubblica  una cassa piena di negativi (sequestrata ad una signora che non pagava i debiti), che terremotò il mondo della fotografia. La signora che non pagava i debiti si chiamava Vivian Maier, era di origine francese e faceva la bambinaia a Chicago.

A me la musica piace tutta. Insomma, quasi tutta. Quella contemporanea mi fa l’effetto dell’arte di oggi: troppo difficile per me; devo ancora capire cosa vuol dire dodecafonica o atonale. Per apprezzarla penso che ci voglia una cultura specialistica che sicuramente non ho. Poi c’è quella italiana, che trovo di solito stucchevole; si sente che manca di grandi orizzonti, di solito canta amoretti e addii negli angusti confini dei bagni 88 di Rimini.

Dice Wikipedia:  "La poesia (dal greco ποίησις, poiesis, con il significato di "creazione") è una forma d'arte che crea, con la scelta e l'accostamento di parole secondo particolari leggi metriche (che possono essere seguite o no dall'autore), un componimento fatto di frasi dette versi, in cui il significato semantico si lega al suono musicale dei fonemi. La poesia ha quindi in sé alcune qualità della musica e riesce a trasmettere concetti e stati d'animo in maniera più evocativa e potente di quanto faccia la prosa, dove le parole non sottostanno alla metrica".

Tutto cominciò la prima volta che capii di essermi stufato di lavorare: non che lavorare fosse malaccio, la materia era interessante, ma un po’ meno lo erano gli umani che mi circondavano; erano organizzati in gerarchie che spesso non riconoscevo o finalizzati ad obiettivi che condividevo solo in parte o per nulla.

03 Ago 2018 21:27 - Alberto Baricco

In una normale giornata uggiosa nella Repubblica dei Cittadini, il Razzista e l’Ignorante camminavano per il parco. Si incrociarono, inizialmente si guardarono in cagnesco percependo le reciproche diversità, poi iniziarono a parlare scoprendo di avere molto in comune. Amavano le stesse cose e, soprattutto, detestavano le stesse persone. Ad esempio gli Intellettuali, sempre pronti a battibeccarsi fra loro e a difendere i privilegi dei loro amici, gli Abbronzati, nomadi nullafacenti che vivevano [ ... ]

Leggi tutto...
22 Giu 2018 13:51 - PGRAECO

La prossima volta, quasi quasi, voterò Lega pure io. Qualcuno, conoscendo i miei trascorsi sinistroidi, potrebbe stupirsi non poco e immaginare la tipica consuetudine italica del “salto della quaglia sul carro del vincitore”. Un cicinin, in effetti è davvero così; a mia parziale giustificazione, però,  voglio ricordare che, in tempi non sospetti, il leader maximo del Partito – tale D’Alema, forse? 1995, magari? – affermava, con indubitabile competenza politica, che “La Lega è [ ... ]

Leggi tutto...
20 Mag 2018 17:18 - Franco Marra

La mia macchina fotografica è difficile da usare: ha moltissime ghiere,  e tanti pulsanti identificati da acronimi per specialisti; il manuale allegato al prodotto sembra il Necronomicon di cui parla  Lovercraft redatto dall’arabo pazzo Abdul Alhazred (“… ecco le chiavi. Cerca le serrature; sii soddisfatto. Ma ascolta ciò che dice Abdul Alhazred: per primo io le ho trovate: e sono pazzo”). Già. Ma perché allora ho speso una somma non banale per comprarmela? Ma per fare [ ... ]

Leggi tutto...
04 Mar 2018 17:50 - Franco Marra

Con qualche ora di lavoro ho messo a posto la lista dei pezzi musicali che più mi piacciono, e che giacevano in forma confusa sul mio PC. Grazie a Google Music li ho tutti ordinati e completati con le informazioni aggiuntive che meglio li descrivono, infine li ho messi sulla nuvola con Google Drive. Ora me li sento dal PC e dallo smartphone (e quindi anche in macchina quando guido), e, con Google Chrome, anche sull'impianto stereo di casa, usando lo smartphone come se fosse un magico telecomando [ ... ]

Leggi tutto...